$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Tentare il suicidio a 10 anni? «Non lo chiamerei così, ma nell'infanzia c'è più sofferenza di quel che pensiamo»

SHARE:

La notizia di cronaca è di quelle che a leggerle si resta senza fiato. Un bambino di 10 anni si sarebbe lanciato ieri dalla finestra di cas...

La notizia di cronaca è di quelle che a leggerle si resta senza fiato. Un bambino di 10 anni si sarebbe lanciato ieri dalla finestra di casa, a Battipaglia, lasciando un biglietto che fa pensare alla volontà di suicidio. Il ragazzino è in ospedale. Da genitori restiamo sgomenti. Davvero un bambino di 10 anni può avere dentro un dolore così grande da arrivare a tentare il suicidio e noi genitori non accorgercene? Cosa possiamo fare? Proviamo a parlarne con Daniele Novara, pedagogista e fondatore e direttore del Centro PsicoPedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti.

Colpisce innanzitutto l’età, 10 anni…
Il tema del suicidio aleggia tantissimo a partire dalla preadolescenza, 13 anni, forse anche 12. Sia nei ragazzi sia nelle preoccupazioni dei genitori. Durante l’infanzia invece normalmente non è così, anche perché il bambino vive una forma di consapevolezza abbastanza limitata, non ha possibilità di prendere decisioni che stabiliscono conseguenze così gravi, ha un senso delle conseguenze molto limitato… Parlare di suicidio per i bambini è improprio, perché non c’è capacità di prevedere le conseguenze fino in fondo, mentre la prospettiva consequenziale è tipica del soggetto suicidario, che fa questo atto non per sparire ma per segnalare la sua assenza, in una forma relazionale paradossale. Questo pensiero complesso però si ha all’età delle medie. È vero che aumenta la depressione fra ragazzi, che è un elemento da monitorare, ma è vero anche che i genitori non possono gestire i figli pensando costantemente a ipotesi così gravi… capisco lo sgomento come genitori e il dolore nel leggere la cronaca, ma ricordiamoci che a suicidarsi sono soprattutto gli anziani. Mentre non così raro è l’autolesionismo dei ragazzi: anoressia, coma etilico, uso di sostanze, dipendenza da videogiochi e dai social… promiscuità sessuale autolesive dannose, sexting… questo sì è in crescita. I ragazzi oggi sono più ritirati, diminuisce l’aggressività verso gli altri e aumenta quella verso se stessi, come abbiamo riscontrato già in 4 anni fa in una ricerca sulla carenza conflittuale nei ragazzi, molto più significativa che non in età adulta.

Forse sbagliamo soprattutto a immaginare e pretendere che il bambino sia sempre contento, senza problemi, spensierato… senza accorgerci o dare peso alla sua sofferenza.
Che il bambino soffra è quasi tautologico. Il bambino è fragile per definizione, l’infanzia è un’età di sofferenza, il bambino è in balìa degli adulti che non sempre sono all’altezza della situazione, né di garantirgli la sicurezza necessaria. Il bambino non può decidere nulla perché decidono tutto i genitori, la sua è per antonomasia un’età di sofferenza, legata all’impossibilità di ribellarsi. I bambini poi vivono tante sofferenze legate alla loro negazione ontologica, alla mortificazione. Prendiamo il caso dei genitori che urlano, che fa male. Un urlo ogni tano non fa problema, ma quanto i genitori sono “grandi urlatori” – ed è molto diffuso - questo mortifica il bambino, è dannoso. Spinge il preadolescente alla depressione, agisce sul sistema neurovegetativo tenendolo in allarme… ma quale genitore si rende conto che urlare fa male? E che succede se un bambino di sei anni, mentre il genitore urla, prova a proteggersi e a dire “non urlare”? Di solito il genitore urla di più.

Quindi che cosa possiamo fare come genitori?
La buona pedagogia cerca di dire attenzione, dobbiamo fare il meglio possibile, non lasciamoci andare a urla, punizioni, cattiverie, negatività… il bambino non dirà mai “mamma sei negativa” ma subisce la negatività e questo si incista dentro di lui e può trasformarsi in una paralisi psicologica e psicosomatica. Credo che dobbiamo cercare innanzitutto di aiutare i genitori a educare bene i figli, perché questa è la base di tutto, se ci occupiamo di loro ci sarà una ricaduta diretta e positiva sui figli. Insistere troppo sui bambini e ragazzi non porta molto lontano, se cominciamo ad avere attenzione per i genitori invece costruiamo una base per una educazione diversa. Positiva, perché ad essere positivi in educazione non si sbaglia mai.

Photo by chuttersnap on Unsplash


by Sara De Carli via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Tentare il suicidio a 10 anni? «Non lo chiamerei così, ma nell'infanzia c'è più sofferenza di quel che pensiamo»
Tentare il suicidio a 10 anni? «Non lo chiamerei così, ma nell'infanzia c'è più sofferenza di quel che pensiamo»
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/4/c/1/5/4c1557c0-a4ad-445e-80aa-a7f4b8a49cdb_large.jpg?_636922358374965186
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/tentare-il-suicidio-10-anni-non-lo.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/tentare-il-suicidio-10-anni-non-lo.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy