$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Ong sotto attacco delle Iene per il loro impegno in Libia: cui prodest?

SHARE:

«Migranti nei lager in Libia: e i nostri soldi dati alle Ong?». Si intitola così il servizio firmato da Gaetano Pecoraro e andato in ond...

«Migranti nei lager in Libia: e i nostri soldi dati alle Ong?». Si intitola così il servizio firmato da Gaetano Pecoraro e andato in onda ieri sera su Italia 1, nel programma "Le Iene". La tesi del servizio è chiara e la citiamo testualmente (qui il link): «Le Ong cosa fanno con i soldi dati dallo Stato italiano per intervenire in aiuto dei migranti? È possibile davvero intervenire in un contesto del genere? Le autorità libiche permettono un’assistenza? Cosa fanno i capi libici dei centri di quanto viene loro consegnato?». Le domande sono retoriche, perché nel montaggio del servizio - osservano le organizzazioni non governative chiamate in causa - mancano voci critiche e, soprattutto, un contraddittorio.

Emergenza Sorrisi

«Un attacco vergognoso e per nulla rispettoso della verità dei fatti». Massimo Abenavoli è presidente di Emergenza Sorrisi, una delle Ong finite nel tritacarne del “servizio” delle Iene. «Operiamo in 23 Paesi e in Libia – prosegue il dottor Abenavoli, che è un rinomato chirurgo - l’urgenza è portare un aiuto sanitario sia alle persone che sono nei campi di detenzione, sia alle persone che vivono attorno ai campi».

L’idea di Emergenza Sorrisi è stata così creare un centro protetto e sicuro all’interno del quale prestare soccorso medico. Lo shelter costruito da Emergenza Sorrisi è un’unità mobile all’interno della quale ci sono tutte le condizioni sanitarie adeguate è stata una prima parte dell’intervento. La seconda fase dell'impegno è stata la formazione del personale sul campo. Un’équipe composta da chirurgo, psichiatra e infettivologo si è attivata per la formazione del personale libico.

Le Ong, a dispetto di quanto si crede, sono strutture sottoposte a innumerevoli controlli. Che cosa è successo allora? «È successo che sono stato inseguito alle nove di sera da un operatore delle Iene», spiega Abenavoli, che aveva dato la propria disponibilità per un’intervista, ma evidentemente non bastava. «Una macchina mi ha inseguito – io mi muovo normalmente in motorino - e, in mezzo alla strada, ho ribadito a questi signori che non avevo problemi a rilasciare un’intervista come concordato e come faccio abitualmente quando me lo chiedono. Evidentemente le intenzioni erano altre, visto che quei signori hanno cominciato a inveire urlando contro di noi. Perché questo comportamento da parte delle Iene? Ancora non lo capisco. Sono attonito».

Cesvi

Cesvi opera in Libia dal 2011 con vari progetti a sostegno della popolazione locale, dei migranti, dei rifugiati e deo richiedenti asilo. Attualmente gestisce cinque progetti di cui beneficiano diecimila persone.

Nel periodo febbraio-luglio 2018 - è il punto "focalizzato" dal servizio delle Iene - Cesvi ha operato anche nei centri di detenzione di Tariq al Seqa, Tariq al Matar e Tajoura, nell’area di Tripoli, con un finanziamento di AICS – Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo per un ammontare complessivo di 296.044 euro.

Il servizio delle Iene, raccontano da Cesvi, si è basato sulla testimonianza di nove ragazzi eritrei presenti nei centri di detenzione libici di Tariq al Seqa e Tariq al Matar nel 2018, che hanno a ragion veduta sostenuto di non avere avuto contatti con gli operatori di Cesvi. Nei mesi della loro detenzione, infatti, l'attività di Cesvi si è svolta nella sezione femminile di questi centri, separata da quella maschile, con attività di supporto per donne e bambini. La possibilità di operare nel centro di Tariq al Seqa, tra l’altro, è stata bloccata dal 3 giugno fino alla fine di luglio 2018 come attestano i report e le comunicazioni ufficiali inviate ad AICS.

Gli operatori di Cesvi operano all’interno dei centri di detenzione e a diretto contatto con le persone da assistere e ogni servizio di assistenza – psicologica o materiale – viene registrato in uno specifico database di progetto che, insieme alla documentazione tecnica e ai rapporti compilati dallo staff sul campo, consente a agli organi di controllo di verificare l’effettiva messa in pratica delle azioni pianificate.

«Abbiamo fornito queste ed ulteriori informazioni anche a Le Iene, ma nel servizio non ne è stato fatto cenno, evidentemente il servizio era orientato fin da subito su una tesi precisa», spiega la Presidente del Cesvi Gloria Zavatta. L’intervista di quasi un’ora rlasciata alle Iene dall'amministratore delegato Cesvi è stata espunta secondo le esigenze del racconto televisivo. Per contrastare questa tecnica di montaggio e rimontaggio della verità, Cesvi ha messo a disposizione un report di approfondimento con il dettaglio delle attività realizzate nell’ambito del progetto AICS, che ha portato aiuto a 1.640 persone detenute in drammatiche condizioni nei centri libici.

A fronte dell’elevato numero di persone rinchiuse a Tariq al Seqa – oscillante in quei mesi tra 970 e 1.200 secondo i dati IOM – così come negli altri centri, l’intervento di Cesvi si è focalizzato sui soggetti a noi accessibili e individuati come più vulnerabili: donne, bambini, adolescenti e minori non accompagnati.

Spiega ancora Zavatta che «quando si fanno servizi che sembrano andare verso tesi precostituite tagliano le informazioni che non servono a supporto di quelle tesi. Tutto il materiale che abbiamo inviato non è stato preso in considerazione. Ma così facendo si è offerta una visione distorta non solo della nostra attività sul campo, ma dell'intera questione umanitaria in Libia».

Albero della Vita

Non tutti i centri sono uguali. Ci sono centri gestiti dal governo e centri gestiti dalle milizie e le persone che vivono in questi centri di accoglienza nella migliore delle ipotesi si trovano in condizioni di grande degrado, nella peggiore al degrado si uniscono la tortura e le deprivazioni di beni essenziali.

Le Ong sono entrate primi, non sono mai entrate in centri gestiti dalle milizie. Il lavoro delle Ong è riconosciuto e monitorato dal Ministero Affari Esteri, tutto nero su bianco. Dove stanno i fatti, allora, è facile capirlo. Non è chiaro per quale ragione ci sia stato un accanimento preventivo, con tecniche da imboscata, da parte del programma di Mediaset.

Ivano Abbruzzi è presidente della Fondazione L'Albero della Vita - onlus, un'altra delle organizzazioni finite nel calderone delle accuse delle Iene «Tutte le organizzazioni che hanno scelto di fare questo lavoro in Libia si sono messe a farlo consapevoli che lo scenario era molto complicato. Per qualcuno, questa complicazione è stato un motivo per non partecipare. Per altri è stata l'occasione per privilegiare l'aspetto umanitario di un'azione di aiuto».

«Noi abbiamo lavorato in Libia da gennaio 2018 a luglio 2018, quindi non c'è alcun punto di contatto tra ciò che sta accadendo ora in Libia e ciò che è accaduto. Dov'è l'attualità del servizio delle Iene? Non siamo persone che amano questo sistema dei flussi migratori, tutt'altro. Ma soprattutto non abbiamo ricavato niente dal nostro impegno se non fatica, difficoltà e la possibilità - per noi fondamentale - di aiutare delle persone. Questa possibilità di portare sollievo fosse anche a una sola persona per noi fa la differenza. Per altri forse no, ma per noi è cruciale salvare vite e aiutare le persone».

Perché questo servizio televisivo? Perché proprio ora? Cui prodest?


by Marco Dotti via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Ong sotto attacco delle Iene per il loro impegno in Libia: cui prodest?
Ong sotto attacco delle Iene per il loro impegno in Libia: cui prodest?
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/c/a/a/2/caa258c7-28ff-4638-b993-85b17962ba23_large.jpg?_636838481090413095
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/ong-sotto-attacco-delle-iene-per-il.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/ong-sotto-attacco-delle-iene-per-il.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy