$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Microcredito? Una riforma davvero micro

SHARE:

Resta al palo l’elenco degli operatori del microcredito , i soggetti abilitati all’erogazione di piccole somme alle imprese e alle famiglie...

Resta al palo l’elenco degli operatori del microcredito, i soggetti abilitati all’erogazione di piccole somme alle imprese e alle famiglie. A quasi quattro anni dall’istituzione, gli operatori iscritti alla lista tenuta da Bankitalia sono soltanto tredici. Nove nel 2016, più altri quattro nel biennio successivo, due all’anno. Pochi, decisamente pochi, per dare una bella spallata alla porta che sbarra l’accesso al credito ai soggetti non bancabili, le persone che non sono in grado di offrire garanzie per i prestiti. Persone che scommettono proprio sul prestito per uscire dalla disoccupazione e dalla povertà: tirando su un negozietto o aprendo magari una bottega artigiana grazie al mutuo concesso (il tetto massimo del credito è 25mila euro per le imprese, 10mila per le famiglie).

La riforma dell’articolo 111 del testo unico bancario che ha introdotto la figura degli operatori nel microcredito mirava proprio a dar vita a delle figure specializzate. Nell’elenco avrebbero dovuto iscriversi o soggetti nati apposta per fornire microcredito o confluire gli intermediari finanziari non bancari già esistenti, conosciuti come “106” dal numero dell’articolo del testo bancario che li prevede. La riforma però, come detto, è stata un flop. Su 13 iscritti, gli operatori nati ex novo sono solo sei. Sette invece gli ex 106, gli intermediari già attivi che si sono trasformati in 111. Sia gli intermediari finanziari non bancari (106) che le stesse banche tuttavia possono erogare microcredito anche se non fanno parte dell’albo ad hoc. È sufficiente che rispettino la legge sul microcredito e che forniscano i servizi ausiliari, cioè i servizi di accompagnamento come ad esempio il supporto alla stesura del business plan o l’assistenza legale e fiscale.

I paletti
Ma vediamo quali sono i paletti messi dalla normativa e che hanno finito per soffocare gli operatori di microcredito. Devono erogare, ad esempio, almeno il 51% dei prestiti alle imprese e il restante alle famiglie. «Si tratta di una restrizione che impatta con il nostro modello di business che invece è più orientato al microcredito alle famiglie», spiega Andrea Limone, amministratore delegato di PerMicro, un intermediario 106. In sostanza per diventare operatore di microcredito avrebbe dovuto rinunciare a metà clientela. Secondo requisito: l’anzianità di impresa. Possono essere finanziate solo le società con meno di 5 anni di vita. «Restano fuori così le imprese che hanno bisogno di ristrutturazione e di rilancio», osserva Giampietro Pizzo, presidente della Rete italiana di microfinanza (Ritmi). Terzo: la “dimensione” dell’impresa beneficiaria. Il fatturato non deve superare i 200mila euro. «Si tratta di nano imprese, in realtà. La definizione europea di micro-imprese arriva invece fino a 2 milioni», aggiunge Pizzo. Quarto limite: i tassi. Anche qui i parametri fissati dalla normativa li rendono poco competitivi, soprattutto quelli per le famiglie. Non è tuttavia l’unico motivo che ha sbilanciato l’asse dei prestiti verso le imprese. «Finanziamo poco le persone fisiche perché non abbiamo una formazione ad hoc per valutare il merito creditizio e, soprattutto, perché le famiglie non sono coperte dal Fondo centrale di garanzia come le persone giuridiche», fa notare Giorgio Giancamilli, direttore generale di Fidipersona di Ancona. Fidipersona, uno dei tredici operatori di microcredito, lavora per il 95% con le imprese. Nel caso di “bidone” rischia insomma di perdere il 100% del finanziamento contro il 20% del mutuo dato alle imprese. Stessa musica per Mikrokapital di Milano. L’anno scorso ha erogato 3,2 milioni alle imprese e solo150mila euro al sociale. Mikrokapital ha preferito assumere la veste giuridica di operatore di microcredito perché, argomenta il direttore generale Stefano Guerra, «gli operatori sono ancora pochi, e quindi c’è minor concorrenza, e perché l’infrastruttura organizzativa è meno pesante rispetto a quella per le 106. Non è richiesto ad esempio l’ufficio interno per l’anti-riciclaggio».

Il punto, torniamo ai tassi, è che sugli interessi pesa il costo dei servizi ausiliari obbligatori, cioè l’analisi e il monitoraggio costante del progetto di impresa finanziato. In mancanza di garanzie reali è necessario infatti capire bene se il debitore sarà in grado di ripagare il credito. Pizzo propone di attingere alle risorse del Fondo sociale europeo per alleggerire il carico dei servizi. «Non sarebbe una sovvenzione ma un investimento in linea con l’obiettivo del Fondo sociale, che è proprio l’occupabilità. Si spendono tante risorse comunitarie in formazione professionale fine a se stessa. Perché non mirarla invece al supporto delle microimprese?», si chiede il numero uno di Ritmi. Le alternative al ricarico sui tassi non sono molte del resto. Si segnalano tuttavia delle buone pratiche. Unicredit e Bancaintesa fanno leva anche su forme di volontariato per fornire assistenza ai richiedenti. È il caso, rispettivamente, delle associazioni formate da ex bancari UniGens e Seniores. «Bene l’intervento del non profit e delle fondazioni ma servono servizi permanenti offerti in modo strategico», chiosa Pizzo. Secondo Giancamilli di Fidipersona il monitoraggio andrebbe ridotto ai primi tre anni. «Sono quelli critici. Se l’impresa li supera ce la fa con le sue gambe».

Le proposte sul tavolo
Ma chi ha voluto tutti questi lacci che hanno imbrigliato il microcredito e scoraggiato l’iscrizione nell’elenco ad hoc? La microfinanza punta il dito contro il mondo del credito. «Ci sono state forti pressioni da parte del settore bancario per ridurre il potenziale della riforma e evitare la concorrenza. Non è un caso se da quando è stato licenziato il testo che istituiva gli operatori 111 nel 2010, sono passati 4 anni per la stesura dei decreti attuativi», sottolinea Pizzo di Ritmi. Troppo appetibile la torta dei crediti fino a 25mila per lasciare spazio agli “intrusi” della microfinanza. «Le banche sbagliano: noi non siamo in competizione con loro. Il nostro obiettivo semmai è accompagnare nel medio periodo le imprese non bancabili proprio all’interno del sistema bancario tradizionale», riflette Guerra di Mikrokapital. Gli istituti di credito, come ricordato, possono far microcredito alla pari degli operatori abilitati in base al 111. Purché garantiscano i servizi ausiliari. «Peccato che le banche mantengano un interesse ridotto per questo servizio come confermano i numeri limitati. Un operatore 111 che avvia l’attività ha invece il massimo interesse a crescere», taglia corto Pizzo. Il mondo bancario insomma, reclama pari dignità nell’erogazione del mediocredito ma di fatto lo tiene in frigo. Come ricucire i due mondi? Un primo passo lo ha fatto l’Ente nazionale del microcredito che ha istituito l’elenco degli operatori territoriali in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito. Al momento conta 496 iscritti fra società, enti non profit e singoli professionisti. Grazie a questi tutor, le banche offrono i servizi colmando così, da un lato la loro minor preparazione nell’accompagnamento alle imprese, dall’altro il buco nell’offerta di microcredito. I 13 operatori finora iscritti all’elenco di Bankitalia coprono infatti solo una parte del territorio nazionale, nonostante abbiano anche filiali sparse lungo lo Stivale. Le direzioni generali sono così distribuite: 3 a Roma, 2 Milano, 1 a Messina, Cagliari, Ascoli, Ancona, Pescara, Firenze, Siena. Non mancano peraltro le perplessità degli operatori. «Serve una certificazione per i tutor. Non basta essere una società di mediazione creditizia, ad esempio. L’Ente nazionale dovrebbe richiedere maggiore competenza nel business planning», commenta Guerra di Mikrokapital.

Da dove ripartire dunque? Le proposte sul tavolo non mancano. Primo punto all’ordine del giorno: l’accesso al credito. Il vero problema della microfinanza è infatti il reperimento delle risorse da prestare a famiglie e imprese, specie per gli operatori che non hanno alle spalle delle banche. «Dovremmo poter accedere al mercato interbancario dove le banche si scambiano denari a tassi interessanti. Ma gli operatori di microcredito non sono contemplati. Facciamo inclusione finanziaria, ma siamo degli “esclusi”», sintetizza con una battuta Guerra. Manca chi batta i pugni sui tavoli regionali, nazionali e comunitari. Servirebbe un portavoce del microcredito. Gli operatori speravano nell’Ente nazionale ma così non è stato, dicono. «Dovrebbe dare più supporto agli operatori abilitati», sottolinea Guerra. «Sembra che si rivolga più alle banche che non agli operatori di microcredito. Anzi, ci fa quasi concorrenza. Ha sviluppato un sistema di tutoraggio per le banche convenzionate», attacca Giancamilli. La galassia della microfinanza non intende demordere però. A breve Ritmi convocherà gli stati generali per elaborare delle proposte e far sentire la voce. È urgente muoversi. La recessione è alle porte.


by via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Microcredito? Una riforma davvero micro
Microcredito? Una riforma davvero micro
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/6/8/9/a/689a5bb9-48e4-441c-bb33-cb2b16c65666_large.jpg?_636916059862406946
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/microcredito-una-riforma-davvero-micro.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/microcredito-una-riforma-davvero-micro.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy