$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

CETA: per la Corte di giustizia europea è compatibile col diritto comunitario

SHARE:

Questa mattina la Corte di giustizia dell'Unione europea ha decretato che il sistema di protezione degli investimenti inserito nel trat...

Questa mattina la Corte di giustizia dell'Unione europea ha decretato che il sistema di protezione degli investimenti inserito nel trattato di liberalizzazione commerciale UE-Canada (CETA), è compatibile con il diritto europeo. Il parere della Corte arriva dopo una richiesta – inoltrata nel 2017 dal Belgio – di esprimere un parere sulla compatibilità del meccanismo di arbitrato presente nel CETA con il diritto dell’Unione.

La sentenza legittima un sistema controverso, che consente alle multinazionali di fare causa agli Stati per scoraggiare l’approvazione di leggi che minacciano i loro profitti. Qualunque norma – anche se varata per proteggere l’interesse pubblico o l’ambiente – sarà impugnabile in opachi tribunali, che prestano il fianco a gravi conflitti di interessi.

«Si tratta di un meccanismo costruito su misura per gli investitori esteri, a scapito della sovranità degli Stati e dei diritti dei cittadini – dichiara Monica Di Sisto, portavoce della campagna Stop CETA, una coalizione di 200 organizzazioni che si batte contro gli impatti dei trattati di libero scambio – Abbiamo dimostrato nel recente rapporto “Diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS*”, che la creazione di Corte per gli investimenti inserita nel CETA su proposta della Commissione europea rappresenta una minaccia per la democrazia e l’ambiente e chiediamo che il Parlamento si attivi immediatamente per bocciare il trattato in blocco, così da aprire in tutta Europa un fronte critico verso il commercio senza regole e senza rispetto dei diritti».

L’Investment Court System (ICS), un sistema lievemente rivisto rispetto al tradizionale Investor-State Dispute Settlement (ISDS), è stato inserito nel CETA con l’intenzione di offrire alle imprese di ciascuna parte contraente una protezione contro leggi che ne possano intaccare la libera iniziativa. Quando una società ritiene che le proprie aspettative di profitto siano state deluse dalla legislazione del paese ospitante (in questo caso Canada o UE), può chiedere risarcimento tramite l’arbitrato internazionale (ISDS/ICS), un sistema giudiziario parallelo alle corti ordinarie. L’ICS, ad esempio, sarà composto da un pool di avvocati commerciali, pagati a chiamata, che possono approvare richieste di indennizzo virtualmente illimitate da parte delle imprese, condannando gli stati a risarcirle o a ritirare le norme contestate.

«Oggi l’arbitrato internazionale è diventato una macchina da soldi che si autoalimenta grazie al conflitto di interessi – prosegue Monica Di SistoI giudici guadagnano se aumentano i ricorsi, ma le cause provengono unicamente dalle imprese, perché negli arbitrati lo stato può vestire soltanto i panni dell’imputato. Ne consegue che deliberare a favore del privato è l’unico modo per mantenere in salute il meccanismo».

Un meccanismo talmente lucroso da aver attratto, negli ultimi anni, l’interesse di numerosi fondi speculativi, che si offrono di coprire le ingenti spese legali delle società coinvolte(in media 8 milioni di euro) in cambio di una sostanziosa quota del risarcimento ottenuto in caso di vittoria.

Per questo l’opinione della Corte europea di Giustizia, accolta con sollievo dal mondo della grande industria e della finanza, non metterà a tacere le obiezioni espresse da milionidi cittadini europei sul funzionamento del meccanismo di protezione degli investimenti. Dopo i tre milioni e mezzo di firme raccolte contro TTIP e CETA nel 2015, una nuova petizione contro gli arbitrati ha superato in poche settimane il mezzo milione di firme (https://bit.ly/2HoCWdp). La richiesta è di abolire il meccanismo da tutti i trattati commerciali, in vigore e in fase negoziale.

«Rifiutiamo il principio stesso di un tribunale sovranazionale, che consente agli investitori esteri, e soltanto a loro, di aggirare le giurisdizioni nazionali ed europee per contrastare una decisione pubblica che non rispecchia le loro aspettative di profitto. Governo e Parlamento trovino il coraggio di fare quanto promesso in campagna elettorale, bocciando il CETA e mettendo fine all’impunità delle imprese», conclude la portavoce della Campagna Stop CETA.

INFO

I dati della Convenzione ONU sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD) riferiti a circa 200 cause concluse sulle 900 totali, dimostrano che negli ultimi trent’anni, in tutto il mondo, gli Stati hanno già dovuto pagare 84,4 miliardi di dollari alle imprese private a seguito di sentenze sfavorevoli (67,5 miliardi) o costosi patteggiamenti (16,9 miliardi). Una cifra enorme sottratta a potenziali misure volte a promuovere e tutelare l’interesse generale, i servizi pubblici, l’ambiente. Una cifra che però è parziale per due ragioni: da un lato i dettagli di molte cause rimangono ignoti, rendendo impossibile sapere con certezza l’ammontare del travaso di denaro dai contribuenti alle aziende; dall’altro, la maggior parte dei ricorsi è ancora pendente, il che lascia presumere che il numero è destinato a salire.
A finire sotto accusa sono legislazioni sull’inquinamento, la ripubblicizzazione dei servizi, norme sul lavoro o per tutelare i consumatori da prodotti nocivi. Nel rapporto “Diritti per le persone, regole per le multinazionali” (bit.ly/2HoCWdp), vengono elencati numerosi casi ancora aperti o passati in giudicato, che dimostrano come l’arbitrato rappresenti a tutti gli effetti un’arma delle multinazionali contro l’ambiente e la sovranità degli stati. L’Italia, per fare un esempio, si trova a fronteggiare 10 cause arbitrali, la più pesante delle quali è stata intentata dalla compagnia petrolifera britannica Rockhopper nel 2017. La richiesta è di 350 milioni di dollari in compensazioni per aver subito il no dell’Italia al rinnovo della concessione per la piattaforma Ombrina Mare, che voleva cercare petrolio nell’Adriatico abruzzese entro le 12 miglia marine.


by via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: CETA: per la Corte di giustizia europea è compatibile col diritto comunitario
CETA: per la Corte di giustizia europea è compatibile col diritto comunitario
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/7/5/3/4/7534c815-7872-458c-b50d-f7e17e9d8128_large.jpg?_636471359391906377
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/ceta-per-la-corte-di-giustizia-europea.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/04/ceta-per-la-corte-di-giustizia-europea.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy