$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Va in Aula il Reddito di Cittadinanza: delusione sulla disabilità

SHARE:

L’Aula della Camera avvia oggi la discussione sul reddito di cittadinanza e Quota 100, licenziato dalle Commissioni riunite XI Lavoro e XII...

L’Aula della Camera avvia oggi la discussione sul reddito di cittadinanza e Quota 100, licenziato dalle Commissioni riunite XI Lavoro e XII Affari sociali nella notte fra venerdì 15 e sabato 16 marzo, dopo un esame durato meno di una settimana e con appena una manciata di emendamenti approvati. Modifiche in Aula? Difficile prevederne, certamente non sono previste al Senato: bisogna chiudere entro il 29 marzo. I limiti di spesa autorizzati salgono un poco rispetto alla versione iniziale: di 5.906,8 milioni di euro nel 2019, 7.166,9 milioni di euro nel 2020, 7.391 milioni di euro nel 2021 e 7.245,9 milioni di euro annui a decorrere dal 2022 da iscrivere su apposito capitolo dello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali denominato «Fondo per il reddito di cittadinanza». Per l’accordo con i CAF sono stanziati 35 milioni di euro per l'anno 2019. A questo link la comparazione ufficiale fra i testi.

La prima novità è una delusione: ci si aspettava un passo in avanti significativo sul tema disabilità, che non c’è stato. Ci sono sì delle novità ma davvero briciole in confronto ai 400 milioni che Salvini a fine gennaio aveva chiesto, minacciando in alternativa di non firmare il decreto. Cosa c’è invece di nuovo sulla disabilità rispetto al testo approvato dal Senato? La pensione di cittadinanza viene estesa anche ai nuclei in cui persone con 67 o più anni vivano con una o più persone con disabilità grave o non autosufficiente di età inferiore (le persone con disabilità devono essere le uniche del nucleo di età inferiore ai 67 anni), situazioni spesso drammatiche che effettivamente meritavano un’attenzione specifica (articolo 1 comma 2). Resta il previsto computo delle pensioni di invalidità, cecità e sordità nel cumulo del reddito, ma i massimali del patrimonio mobiliare sono ulteriormente incrementati di euro 5.000 per ogni componente in condizione di disabilità e di euro 7.500 per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza. Il parametro della scala di equivalenza, che non viene modificato nonostante le pressanti richieste per i figli minori, vede un piccolissimo ritocco verso l’alto fino ad un massimo di 2,2 (da 2,1) nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti componenti in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza. Significa un aumento massimo previsto del beneficio economico di 600 euro annui cioè 50 euro al mese.

Rispetto ai patti per l’inclusione e per il lavoro, viene dettagliato meglio che la persona con disabilità è esclusa dagli obblighi di adesione, ferma restando la possibilità per «il componente con disabilità interessato la possibilità di richiedere la volontaria adesione a un percorso personalizzato di accompagnamento all'inserimento lavorativo e all'inclusione sociale, secondo quanto previsto al comma 1, essendo inteso che tale percorso deve tenere conto delle condizioni e necessità specifiche dell'interessato». «I componenti con disabilità possono manifestare la loro disponibilità al lavoro ed essere destinatari di offerte di lavoro alle condizioni, con le percentuali e con le tutele previste dalla legge 12 marzo 1999, n. 68».

Positive le modifiche introdotte per l’iter che riguarda le famiglie con figli minori, sostanzialmente prima inviate direttamente ai Centri per l’Impiego in funzione solo dell’occupabilità del genitore e ora invece indirizzate in prima istanza ai Comuni. Un segnale nella direzione del fatto che la povertà deve essere intesa e contrastata su base famigliare, non individuale. Il patto per l’incusione che era il cuore del Rei in sostanza resta. E rispetto al modello iniziale vengono rafforzate la connessioni tra CpI e servizi sociali comunali.

I nuclei familiari beneficiari che non abbiano componenti nelle condizioni di cui al comma 5 (assenza di occupazione da non più di due anni; Naspi; aver sottoscritto negli ultimi due anni un Patto di servizio in corso di validità presso i centri per l'impiego, in parole semplici le condizioni di povertà meno legate a una perdita recente di occupazione e più cronicizzate) «sono individuati e resi noti, per il tramite della piattaforma, ai comuni, che si coordinano a livello di ambito territoriale, affinché siano convocati, entro trenta giorni dal riconoscimento del beneficio, dai servizi competenti per il contrasto della povertà». Agli interventi connessi al Rdc, incluso il percorso di accompagnamento all'inserimento lavorativo, il richiedente e il suo nucleo familiare accedono previa valutazione multidimensionale finalizzata ad identificare i bisogni del nucleo familiare, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo n. 147 del 2017.

Si legge ora ad esempio che «nel caso in cui l'operatore del centro per l'impiego ravvisi che nel nucleo familiare dei beneficiari […] particolari criticità in relazione alle quali sia difficoltoso l'avvio di un percorso di inserimento al lavoro […] invia il richiedente ai servizi comunali competenti per il contrasto della povertà, che si coordinano a livello di ambito territoriale, per la valutazione multidimensionale. […] Al fine di assicurare omogeneità di trattamento, sono definiti con il medesimo accordo in sede di Conferenza unificata di cui al comma 3 i princìpi e i criteri generali da adottare in sede di valutazione per l'identificazione delle condizioni di particolare criticità di cui al presente comma». In particolare anche i beneficiari del Rdc maggiorenni e di età pari o inferiore a 29 anni sono resi noti ai CpI, per l'eventuale presa in carico del nucleo familiare di appartenenza.

Allo scopo di potenziare le attività di controllo e di monitoraggio di lavoratori in nero o di false dichiarazioni connesse al RdC, la dotazione organica del ruolo ispettori del Corpo della guardia di finanza è incrementata e pure quella dell'Arma dei carabinieri. Dei navigator e dell’accordo con le Regioni si è letto molto (vedi articolo 12 comma 3 e seguenti). Non sono state previste invece assunzioni – pur chieste a gran voce - per gli operatori sociali nei Comuni.

Per agevolare l'attuazione del Rdc infine è costituita «una cabina di regia come organismo di confronto permanente tra i diversi livelli di governo». La cabina di regia è presieduta dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali e «consulta periodicamente le parti sociali e gli enti del Terzo settore rappresentativi in materia di contrasto della povertà».


by Sara De Carli via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Va in Aula il Reddito di Cittadinanza: delusione sulla disabilità
Va in Aula il Reddito di Cittadinanza: delusione sulla disabilità
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/3/4/c/6/34c6eb04-c191-4aca-ab57-cfbd121181c8_large.jpg?_636836857688535936
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/03/va-in-aula-il-reddito-di-cittadinanza.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/03/va-in-aula-il-reddito-di-cittadinanza.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy