$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Un manifesto per i beni comuni

SHARE:

Un impegno sui beni comuni in sei punti. È quello che oggi hanno messo sul tavolo Touring Club Italiano e Fondazione Cariplo, con la coll...

Un impegno sui beni comuni in sei punti. È quello che oggi hanno messo sul tavolo Touring Club Italiano e Fondazione Cariplo, con la collaborazione di Labsus insieme a CAI, Caritas, FAI, Legambiente e Slow Food che questa mattina a Milano hanno varato l’iniziativa: L’Italia che si prende cura dell’Italia.

Questi i sei punti del manifesto:

  1. la Costituzione racchiude al suo interno il senso del prendersi cura dell’Italia come bene comune, sia con riferimento agli artt. 4, 9 e 118 ultimo comma sia ai suoi principi generali;
  2. prendersi cura dei beni comuni non produce effetti positivi solo su chi si impegna direttamente ma anche sulla società nella sua interezza, contribuendo a rafforzare le relazioni di comunità e il senso di appartenenza;
  3. i cittadini attivi e le organizzazioni che si prendono cura dei beni comuni sono una ricchezza, troppo spesso purtroppo considerata come una interferenza invece che come un’opportunità da parte delle istituzioni. Occorre superare queste diffidenze e incentivare una cultura di condivisione e di collaborazione fra istituzioni e cittadini;
  4. è necessario che le istituzioni, le imprese e i mezzi di informazione diano sempre maggior attenzione e visibilità a questa energia espressa dalla società civile sostenendo la crescente disponibilità dei cittadini a dedicare il proprio tempo alla cura dei beni comuni materiali e immateriali, anche attraverso le attività promosse dalle organizzazioni stesse;
  5. le nostre organizzazioni, pur nei differenti ambiti di intervento, vedono nella cura dei beni comuni l’elemento unificante delle rispettive funzioni: sussidiarietà, integrazione tra pubblico e privato, rapporto virtuoso tra cittadini e istituzioni, creazione di senso di appartenenza e di senso civico, produzione di conoscenza e valorizzazione dei territori;
  6. le nostre organizzazioni si impegnano pertanto, anche mettendo in essere forme sistematiche di collaborazione, a promuovere le attività di cura del Paese e a sensibilizzare su tale tema i rispettivi membri e in generale la pubblica opinione.

«Il Touring Club Italiano da sempre si prende cura del mondo come produttore di conoscenza, servitore civile delle istituzioni e punto di riferimento morale del turismo», ha commentato il presidente del Touring Club, Franco Iseppi. Che ha aggiunto: «Non ignoriamo tutte le criticità che stanno cambiando il mondo, ma registriamo anche molte buone notizie: l'aumento degli studi sulla sostenibilità e compatibilità; i patti tra tre importanti università per un nuovo clima; le manifestazioni giovanili in contemporanea in tutto il mondo per sensibilizzare gli adulti sul cambiamento climatico; la rivolta civile, vero antidoto all'indifferenza e una maggiore sensibilità dei media verso un giornalismo costruttivo».

«Il Touring», ha concluso Iseppi, «concentra ora il proprio interesse su due iniziative concrete:

  • Aperti per Voi, i volontari per il patrimonio culturale. Il TCI ritiene riduttivo (anche se indispensabile) motivare in termini di sussidiarietà le sue attività di volontariato che sono, invece, rivolte a valorizzare l'appartenenza alla comunità, a facilitare l'inclusione sociale, l'accoglienza e il confronto tra culture e diversità.
  • Le Bandiere Arancioni, ovvero la via italiana alla valorizzazione delle piccole comunità dell'entroterra, producendo benessere per i territori senza snaturarli.

Questa di oggi può essere l'occasione per riprendere e rilanciare due proposte:

  • Fare insieme con le altre associazioni un progetto di educazione al paesaggio, scegliendo una decina di aree del Paese che abbiano valore universale.
  • Recuperare un progetto già sostenuto dal Touring Club Italiano insieme con le sei grandi Associazioni, CAI, FAI, WWF, Legambiente, Italia Nostra, e finalizzato alla messa in sicurezza idrogeologica del nostro Paese».

by via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Un manifesto per i beni comuni
Un manifesto per i beni comuni
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/9/8/6/0/98608a60-27b7-41ae-ae9a-d89260ff880b_large.jpg?_636881768510304837
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/03/un-manifesto-per-i-beni-comuni.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/03/un-manifesto-per-i-beni-comuni.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy