$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Gholam Najafi: «Scrivo per ricordare a tutti il mio Afghanistan dimenticato»

SHARE:

Ricordo che quando i nostri padri dovevano partire per il Pakistan, le nostre mamme lavoravano per una settimana per preparare il cibo per ...

Ricordo che quando i nostri padri dovevano partire per il Pakistan, le nostre mamme lavoravano per una settimana per preparare il cibo per il loro viaggio. Anni che non tornano più, anni in cui ogni viaggiatore partiva con un pezzo di pane preparato dalla madre, dalla moglie, ma quando la guerra si è intensificata, non avevamo più tempo per preparare il cibo, non avevamo più tempo per salutare i nostri cari, eravamo diventati egoisti, ognuno pensava solo alla propria sopravvivenza. La nostra felicità, la semplicità, le tradizioni, il dialetto, tutto scompariva tra i morti. E coloro che si sono salvati, che oggi si trovano a vivere in ogni angolo del pianeta, si sono avvicinati ad altri dialetti, ad altre tradizioni, ad altri usi e costumi. Le povere donne, che non erano mai uscite dal luogo dove erano nate, sono rimaste in ostaggio. Donne come mia madre, di cui non abbiamo più avuto notizia.

È questo l’Afghanistan di cui nessuno più parla. L’Afghanistan dimenticato e per me indimenticabile, da cui sono fuggito quando ero poco più che un bambino. Per evitare la morte. Come tanti migranti che arrivano in Italia ancora oggi e su cui si abbatte un odio che fa paura e che ignora le nostre ragioni, le nostre storie.

Quando è arrivata la disgrazia, ho lasciato mia madre vicino alla sepoltura di mio padre e sono andato. Dopo la mia partenza dal villaggio, da subito ho iniziato il mio viaggio come clandestino, inconsapevole. Non sapevo nemmeno quali paesi confinassero con l’Afghanistan. Dovevo solo allontanarmi, il più presto possibile: il modo di morire in quella terra mi faceva paura. Ho continuato il mio viaggio fino ad arrivare in Pakistan. Non avevo un luogo di riferimento in mente, i nomi di questi paesi li ho imparati giorno per giorno, non potevo tenere un diario. Proseguii verso l’Iran. Tra questi due paesi ho subito due o tre arresti. Ogni volta che mi arrestavano mi spogliavano da capo a piedi. Continuamente venivamo picchiati.

Eravamo circa duemila persone, condividevamo gli stessi dolori, in prigione non potevamo porre domande ai soldati che ci sorvegliavano, intorno alla prigione c’era un muro, un muro fatto di rete elettrificata. La fuga era impossibile. In altre prigioni abbiamo vissuto sottoterra circondati da scarafaggi, con le scarpe li ammazzavamo sui muri. I numeri delle persone aumentavano ora dopo ora, i pezzi di pane per la sopravvivenza diminuivano, i nostri bagni erano come una stalla con i tubi bloccati, i fumatori morivano accanto a noi, i loro cadaveri non venivano tolti, le tende delle finestre erano chiuse in modo che il luogo della prigionia rimanesse segreto. Molte persone morivano di nostalgia, nostalgia per i cari che erano stati sgozzati dai Talebani.

Dopo giorni o settimane sono arrivato a Teheran, la scansione del tempo si era ormai confusa nei miei pensieri. Poi dall’Iran proseguimmo verso l’Europa attraversando la Turchia e la Grecia, un’ Europa che per me era completamente sconosciuta, non sapevo in quale parte del mondo fosse. Ho raggiunto Venezia aggrappato al telaio di un camion, nascosto e stremato. E a Venezia, per mesi, non ho voluto salire sul vaporetto: le onde della traversata dalla Turchia si erano scolpite nella mia memoria.

Per due anni sono stato ospitato in una comunità per minori non accompagnati. Tutto era bello, accogliente ma con la maggiore età dovevo lasciare tutto e trovarmi una casa, un lavoro, la lingua che in quei due anni avevo imparato non era ancora sufficiente, dovevo ricominciare da zero.

In me ci sono due Gholam, uno che va alla ricerca della sua origine, della sua infanzia, che sta vicino a sua madre. Il secondo invece vive per la sua nuova mamma: la famiglia Rossetto-Fusaro è quella che mi costruisce gli scaffali per miei libri, è quella che mi sostiene nella ricerca di raccontare il mio passato. La mia storia è piena di traumi, gli stessi che popolano le storie degli altri che come me hanno dovuto lasciare la propria casa per evitare la morte, la persecuzione, le atrocità di una guerra senza ragione e senza fine. La nostra vita era altrove. Non abbiamo scelto di partire, abbiamo dovuto. Lasciateci ricostruire una storia nuova. Un futuro senza incubi e senza disperazione.


by via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Gholam Najafi: «Scrivo per ricordare a tutti il mio Afghanistan dimenticato»
Gholam Najafi: «Scrivo per ricordare a tutti il mio Afghanistan dimenticato»
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/d/d/0/0/dd00b9df-7f26-45b9-9c77-70389766453a_large.jpg?_636880681026535962
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/03/gholam-najafi-scrivo-per-ricordare.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/03/gholam-najafi-scrivo-per-ricordare.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy