$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Il vicolo cieco della povertà educativa

SHARE:

In Italia un milione e 208mila bambini vivono in povertà assoluta, un bambino su 8. La povertà non riguarda solo presunti “altri”: il Mezzo...

In Italia un milione e 208mila bambini vivono in povertà assoluta, un bambino su 8. La povertà non riguarda solo presunti “altri”: il Mezzogiorno, gli stranieri, le periferie... Tocca l’11,7% dei bambini che vivono al Nord Italia e il 13,9% di quelli che vivono al Sud; il 10,8% di chi vive nelle città metropolitane e il 9,7% di chi vive in piccoli comuni. È come dire ciascuno dei nostri figli , forse tre compagni di classe che non riescono a mettere insieme il pranzo e la cena. La povertà dei bambini ci riguarda anche se non vogliamo. Perchè c’è un paradosso, in Italia, parlando di bambini: il bambino individuale, il mio, viene — come canta Fedez — «prima di ogni cosa», mentre i bambini nel loro insieme sono ignorati, accantonati, sacrificati. “Periferie” nell’agenda della politica e della società. Che non ci sia attenzione per loro è — scandisce Giulio Cederna — «incontrovertibile». Da anni lui cura per Save the Children l’Atlante dell’infanzia a rischio: «Tutti i dati, da quelli demografici a quelli sulla povertà, da quelli sulle politiche sociali a quelli sull’urbanistica, confermano come l’infanzia sia fuori dall’interesse di questo Paese. A parole c’è un sovrainvestimento, nei fatti si fa poco o nulla». Il “poveri bambini” del titolo fa riferimento proprio a questo clima culturale: i bambini in Italia oggi non sono soltanto i più poveri (un dato per tutti? Prima della crisi, nel 2005, la classe d’età in cui si concentrava maggiormente la povertà erano gli over65, mentre ora la classe d’età con più poveri sono gli under18) ma anche quelli contro cui facciamo crociate perchè i loro giochi e canti ci disturbano e quelli sulle cui spalle stiamo caricando i problemi strutturali del Paese (vedi alle voci demografia, debito pubblico e welfare). Spesso peraltro troppo soli, denuncia Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro, perché «pur sapendo che le competenze si fondano sulla relazione, dopo un forte investimento sulla relazione tra genitori e figli nei primissimi anni di vita, questa si dissolve progressivamente con la preadolescenza, precocemente rispetto ai bisogni reali del bambino. La sfida è creare spazi affinché questa presenza attenta e competente dei genitori accanto ai figli duri nel tempo, che significa rivedere i tempi del lavoro e della cura, per creare autonomie sta- bili e non frutto di abbandono».

Diritti = pari opportunità
«In Italia, oggi, per poter dire che i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sono tutelati, occorre che siano garantite pari opportunità a tutti, a prescindere dalla nascita e dal luogo di vita», dichiarava la Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Filomena Albano, in occasione dell’ultima Giornata Mondiale dell’Infanzia. Arianna Saulini è la portavoce del gruppo Crc, un network che riunisce i maggiori enti di Terzo settore che in Italia si occupano di promozione e tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e che periodicamente cura un “contro-rapporto” di monitoraggio sull’attuazione della Convenzione dei diritti del fanciullo in Italia. «Il tema strategico che abbiamo messo in luce con l’ultimo report è che in Italia c’è un’attuazione di diritti molto diversa da una regione all’altra. Non si tratta solo delle arcinote differenze nell’accesso ai servizi per la prima infanzia ma anche, ad esempio, sulla salute. C’è una vasta gamma di diritti a rischio a seconda del territorio in cui si vive», afferma Saulini. Da dove ripartire? «Dall’attuare le buone leggi che abbiamo: la legge Zampa per l’accoglienza dei minori non accompagnati è un modello, ma mancano i decreti attuativi; la Buona Scuola ha riconosciuto che i servizi per gli 0 e i 3 anni sono il primo step del sistema educativo, ma al Miur la cabina di regia non c’è...».

Disuguaglianze e pari opportunità sono il tema cruciale parlando di infanzia. «A livello generale, sono almeno vent’anni che non si mette mano al sistema delle politiche sociali ed educative e così oggi in Italia un bambino è troppo in balìa della ricchezza e degli strumenti culturali che la sua famiglia è in grado di offrirgli, senza un sistema organico attorno che compensi i casi in cui quella dotazione è ridotta, e permetta al bambino un riscatto sociale», chiosa Cederna. Il cuore di tutto è quella povertà educativa — povertà di opportunità, ma innanzitutto della possibilità di un pensiero differente — che come un pavimento colloso invischia i bambini e li avviluppa in un futuro già scritto, poveri di generazione in gene- razione. Mentre también el derecho al futuro es un derecho humano, come ha detto Papa Francesco alla recente Giornata mondiale della gioventù di Panama. Figuriamoci per i bambini.


by Sara De Carli via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Il vicolo cieco della povertà educativa
Il vicolo cieco della povertà educativa
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/2/7/a/d/27ad09a5-2bd5-4c9f-b0e3-577c10e211fc_large.jpg?_636861056064983244
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/02/il-vicolo-cieco-della-poverta-educativa.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/02/il-vicolo-cieco-della-poverta-educativa.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy