$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Da Francesco a Francesco

SHARE:

Si sa quanto Francesco d'Assisi volesse andare a tutti i costi tra i musulmani . Per tre volte aveva fatto un tentativo, senza scoraggi...

Si sa quanto Francesco d'Assisi volesse andare a tutti i costi tra i musulmani. Per tre volte aveva fatto un tentativo, senza scoraggiarsi dei fallimenti. Il terzo tentativo fu quello buono per l'incontro con il sultano d’Egitto Malek al- Kamel. Era il settembre 1219. L’incontro avvenne a Damietta, sulle sponde del Nilo, a pochi chilometri di distanza dal Cairo. Francesco non ragionava con i criteri ideologici della cristianità del suo tempo (criteri che erano stati fatti propri a volte anche dai suoi frati minori...) e in quel viaggio per conoscere da vicino i musulmani, si è posto al di là della frontiera chiesa-istituzione, situandosi dentro la sensibilità religiosa del suo interlocutore. Tra pochi mesi saranno esattamente otto secoli da quell’incontro, e la strada aperta a Damietta si è confermata come la sola che garantisca dalle derive del fanatismo.

Lo ha dimostrato il viaggio, già definito storico del Papa (non a caso un altro Francesco...) negli Emirati Arabi. Per la prima volta nella penisola che vide i natali di Maometto è stata tenuta una cerimonia religiosa pubblica che non fosse un rito islamico: la messa del papa nello stadio di Abu Dhabi davanti ad una folla che ha superato numericamente ogni aspettativa.

L’altro momento “storico” del viaggio è stata la partecipazione di Francesco alla “Conferenza globale sulla fratellanza umana” organizzata dal Muslim Council of Elders – un organismo internazionale indipendente con sede nella capitale degli Emirati e che fa capo al Grand Imam di al-Azhar, lo Sceicco Ahmed El-Taye. L’incontro si è tenuto nel Founder’s Memorial di Abu Dhabi, davanti a grandi personalità del mondo islamico, come Sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan e ad Ahmad Al-Tayyib, Grande Imam di Al-Azhar. Proprio con quest’ultimo Francesco ha firmato uan Dichiarazione sulla “Fratellanza umana per la Pace Mondiale e la convivenza comune” (qui il testo)

Questa Dichiarazione è un testo importante perché nato da un’intesa non formale ma profonda. La condanna dovuta di ogni estremismo e fanatismo non è una semplice condanna dovuta di ordine morale. È una condanna che scaturisce da un dato dottrinale condiviso. «Dio, l’Onnipotente, non ha bisogno di essere difeso da nessuno e non vuole che il Suo nome venga usato per terrorizzare la gente», viene scritto senza “se” e senza “ma”. Fanatismo e violenze conseguenti «sono frutto della deviazione dagli insegnamenti religiosi, dell’uso politico delle religioni e anche delle interpretazioni di gruppi di uomini di religione che hanno abusato – in alcune fasi della storia – dell’influenza del sentimento religioso sui cuori degli uomini per portali a compiere ciò che non ha nulla a che vedere con la verità della religione, per realizzare fini politici e economici mondani e miopi».

La Dichiarazione è un’ammissione delle responsabilità che le religioni hanno avuto in tanti conflitti che hanno insanguinato il mondo. «La storia», si legge nella Dichiarazione, «afferma che l’estremismo religioso e nazionale e l’intolleranza hanno prodotto nel mondo, sia in Occidente sia in Oriente, ciò che potrebbe essere chiamato i segnali di una “terza guerra mondiale a pezzi”, segnali che, in varie parti del mondo e in diverse condizioni tragiche, hanno iniziato a mostrare il loro volto crudele; situazioni di cui non si conosce con precisione quante vittime, vedove e orfani abbiano prodotto».

Certamente Il primo frutto di questa Dichiarazione è stato proprio l’atto che ha concluso oggi la visita del papa: la messa nello stadio di Abu Dhabi. «Sono venuto anche a dirvi grazie per come vivete il Vangelo che abbiamo ascoltato (quello delle Beatitudini, ndr)», ha detto ilo Papa. «Si dice che tra il Vangelo scritto e quello vissuto ci sia la stessa differenza che esiste tra la musica scritta e quella suonata. Voi qui conoscete la melodia del Vangelo e vivete l’entusiasmo del suo ritmo».


by Giuseppe Frangi via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Da Francesco a Francesco
Da Francesco a Francesco
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/c/e/7/3/ce73db4b-26e0-465c-9529-8b08be8a6474_large.jpg?_636849865646469142
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/02/da-francesco-francesco.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2019/02/da-francesco-francesco.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy