$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Sicurezza sul lavoro: under 35 i più a rischio

SHARE:

Prendendo la parola il sottosegretario al Lavoro e alle politiche sociali Claudio Durigon ha condiviso l’obiettivo del presidente Bettoni d...

Prendendo la parola il sottosegretario al Lavoro e alle politiche sociali Claudio Durigon ha condiviso l’obiettivo del presidente Bettoni di dimezzare gli infortuni sul lavoro nei prossimi cinque anni dando vita a tavoli di concertazione. A questo proposito, ha aggiunto che «ci sono risorse adeguate nella finanziaria e che bisogna mettere a sistema tutte le energie presenti sul territorio. Il Governo ha già dato un segnale molto importante costruendo un decreto dignità d’urgenza per ridare equilibrio ad un mercato del lavoro troppo precario soprattutto per i giovani». Per quanto riguarda la formazione Durigon ha auspicato che d’ora in poi venga attuata soprattutto sul territorio e a tale scopo la scuola può costituire un elemento di traino. Le norme, ha concluso, «in Italia sono tante e sicuramente tra le migliori, ma vanno in buona parte riviste ed attuate in maniera adeguata alle esigenze del mercato. Per quanto riguarda l’avanzo di gestione del bilancio dell’Inail, questo deve servire a creare un piano economico forte che preveda incentivi per la sicurezza e risorse finalizzate al reinserimento lavorativo delle persone infortunate. In questa direzione deve andare anche il rafforzamento dei centri dell’impiego».

Tre le parole chiave sottolineate dall’assessore Regionale Lavoro e Nuovi Diritti Claudio di Berardino: informazione, formazione e controlli. «Occorre condividere le strategie di intervento per affrontare seriamente il problema. Per parlare di sicurezza bisogna intervenire sui contratti di lavoro, a cominciare da quelli occasionali che coinvolgono soprattutto i giovani e non garantiscono loro adeguate tutele. Interventi sono necessari anche sulla riforma previdenziale e sulla messa in sicurezza delle strade dal momento che una parte degli incidenti sul lavoro avviene in itinere».

Da parte sua Massimo De Felice, presidente dell’Inail ha sottolineato l’impegno che l’Inail attua nel campo della prevenzione stanziando finanziamenti per l’aggiornamento dei macchinari. «Non basta classificare i rischi a parole, ma occorre una prevenzione concreta basata sui cicli di produzione. È necessario lavorare sui distretti, al di là delle singole competenze regionali, organizzando tavoli operativi mirati».
«Nell’aprile scorso sono state approvate le linee di mandato di questa Consiliatura in cui vengono indicate la riduzione delle tariffe a beneficio delle imprese ed il miglioramento delle prestazioni economiche per gli assicurati. Ha fatto anche riferimento alla numerosa platea di lavoratori non assicurati dall’Inail» ha detto il presidente Civ Inail Giovanni Luciano.

La vice presidente della Commissione Lavoro del Senato Annamaria Parente si impegnerà innanzitutto per la ricostituzione della Commissione d’inchiesta infortuni e morti bianche e ha proposto che, quando muore una persona sul lavoro, si fermi per un minuto tutto il Paese perché non basta un minuto di silenzio come quello di oggi, in occasione della Giornata dedicata alle vittime del lavoro. Soltanto così potrà crescere la cultura della sicurezza sul lavoro. Renato Polverini, vice presidente della Commissione Lavoro della Camera ha sottolineato: «Se i morti sul lavoro non calano c’è qualcosa che non va. Ci sono tante buone leggi, ma sono complesse nella loro applicazione, soprattutto per le piccole imprese. A questo si aggiunge un meccanismo di controlli troppo frastagliato. Il sistema non deve martellare le norme che già esistono, ma rafforzarle. Per quanto riguarda la formazione, propone di inserire la materia della sicurezza sul lavoro fin dalle scuole elementari, cominciando dai figli dei lavoratori e soprattutto dalle famiglie di immigrati».

«Abbiamo un nemico comune che è la retorica», ha detto il segretario confederale Cgil Franco Martini. «La contrattazione può fare molto per l’innovazione culturale. I quasi 900 contratti al Cnel parlano di riduzione del costo del lavoro spendendo meno sulla sicurezza e su questo tema non ci può essere scambio. La più grande fabbrica di infortuni e di corruzione nel nostro Paese è il mercato degli appalti e prima di cambiare il Codice, entrato in vigore da pochi mesi, occorre incominciare ad applicarlo».
Il segretario confederale Cisl Angelo Colombini ha aggiunto: «Quando si parla di sicurezza, non si fa riferimento ad un costo ma ad un investimento, che riguarda innanzitutto il bene dei lavoratori. Occorre investire sui macchinari per realizzare l’industria 4.0. Lo stretto rapporto tra imprese, sindacati e istituzioni non può essere banalizzato perché esistono ancora molti aspetti che non sono stati applicati all’interno di molte imprese». Colombini si è soffermato in particolare sulle malattie professionali, a cominciare dall’amianto e ha annunciato per il prossimo 6 novembre un presidio sotto il ministero del Lavoro. Silvana Roseto, segretario confederale Uil si è soffermata in particolare sui rischi dei lavoratori anziani, che faticano a restare nelle stesse mansioni e sull’alto tasso di precarietà, non supportato da un’adeguata formazione professionale che viene realizzata in tempi troppo brevi. Ha ricordato l’ampia platea di lavoratori non assicurati Inail che non rientrano nei dati statistici diffusi dall’Istituto.

«Esiste l’esigenza di un impegno comune, fuori dalla logica del profitto dalla quale discendono gli incidenti sul lavoro» ha affermato il presidente Confartigianato Giorgio Merletti. «La persona non è un ingranaggio e nelle nostre aziende è il soggetto più importante. Anche sulla produttività c’è molto da discutere e la logica del valore aggiunto dovrebbe essere quella della personalizzazione del prodotto, sulla quale incide la formazione del lavoratore che non può essere effettuata nell’arco di una sola settimana».

Da parte sua Maria Amata Garito, rettore Uninettuno ha fatto riferimento al primo Corso di Laurea Telematica Triennale in Diritto della Sicurezza sul Lavoro, grazie alla collaborazione con l’Anmil. «Il nostro obiettivo è di creare un gruppo di lavoro misto tra professori universitari ed esperti del mondo del lavoro sui temi della sicurezza e del mondo della prevenzione con competenze legate ai bisogni reali. Stiamo facendo una ricerca mirata soprattutto sugli invalidi con menomazioni forti allo scopo di poterli reinserire nella vita attiva e non lasciarli soli».

In apertura un momento della manifestazione Anmil a Roma


by via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Sicurezza sul lavoro: under 35 i più a rischio
Sicurezza sul lavoro: under 35 i più a rischio
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/3/9/8/7/398763c8-c0ed-4b51-ae35-ee9c653e5515_large.jpg?_636751914864928986
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/sicurezza-sul-lavoro-under-35-i-piu.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/sicurezza-sul-lavoro-under-35-i-piu.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy