$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Porrajmos: il primo monumento italiano per l'olocausto Rom e Sinti

SHARE:

Una donna con il braccio il suo bambino che libera la gonna dal filo spinato e guarda al futuro, con al fianco una ruota, simbolo del via...

Una donna con il braccio il suo bambino che libera la gonna dal filo spinato e guarda al futuro, con al fianco una ruota, simbolo del viaggio e del cammino di un popolo: é questo il monumento, realizzato dallo scultore Tonino Santeusanio e 'scoperto' nel Parco della Memoria di Lanciano alla presenza di cittadini, studenti, attivisti e ad associazioni provenienti da tutta Italia. Una cerimonia commovente e solenne che ha voluto ricordare il tentativo di sterminio di 400mila tra Rom e Sinti. Un olocausto dimenticato.

A promuovere l'iniziativa é l'Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali - Dipartimento Pari Opportunità, Presidenza del Consiglio dei Ministri), in collaborazione con l'associazione Them Romano', i Comuni di Lanciano e Laterza, la Regione Abruzzo, l'Anpi, l'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, l'Università degli Studi "Gabriele D'Annunzio" e FederArteRom.

Primo in Italia, e secondo in Europa dopo quello di Berlino, il monumento riveste un'importanza storica per un olocausto non raccontato, dimenticato, nascosto: il Porrajmos appunto, chiamato anche "Samudaripen, il genocidio dimenticato". "Oggi per Lanciano - ha dichiarato il Sindaco Mario Pupillo - è una giornata storica. Lo é anche per l'Italia intera. Restituiamo la memoria ad un olocausto dimenticato: la risposta migliore che possiamo dare a chi tenta di riportarci indietro. A quel clima. All'odio e alla violenza rispondiamo con la fratellanza e la difesa della democrazia". "Siamo qui per costruire. Non siamo quelli che distruggono. Non amiamo - ha tuonato il Direttore dell'Unar, Luigi Manconi - le ruspe, ma i monumenti. Qualcosa che resta e non porta via. Qualcosa che ricostruisce. Ricostruisce la memoria".

Tra gli interventi anche quello di Moni Ovadia, Gard Lerner, Santino Spinelli e Diana Paplovic, che dal palco con una voce rotta dall'emozione ha ricordato in questo monumento la forza delle donne Rom e Sinti, il loro cammino quotidiano. A scoprire il monumento i Sindaci di Lanciano e Laterza, insieme ad un oggi anziano Gennaro Spinelli, internato all'età di 5 anni nel campo di Rapulla. Molte le presenze civili e associative: Croce Rossa, 21Luglio, Roma Onlus, Cittadinanza e Minoranza, Anpi Centocelle, l'Istituo superiore Vittorio Lattanzio di Roma con le classi V A e V G, le scuole del territorio lancianese, ospiti nazionali inetrnazionli della comunità Rom e Sinti in Europa e nel mondo.


by via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Porrajmos: il primo monumento italiano per l'olocausto Rom e Sinti
Porrajmos: il primo monumento italiano per l'olocausto Rom e Sinti
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/4/0/4/6/4046161e-843d-4243-9863-624345e2ddbe_large.jpg?_636743451224238526
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/porrajmos-il-primo-monumento-italiano.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/porrajmos-il-primo-monumento-italiano.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy