$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Non chiamiamolo "reddito di cittadinanza": è un'altra cosa, ma cosa?

SHARE:

Prima di tutto: che cos’è il reddito di cittadinanza ? Ne parliamo tanto, ne discutiamo altrettanto. Ma forse, dopo tanto parlare e dibatte...

Prima di tutto: che cos’è il reddito di cittadinanza? Ne parliamo tanto, ne discutiamo altrettanto. Ma forse, dopo tanto parlare e dibattere, il senso tecnico della parola ci è scappato di mano. Ed è diventato, inevitabilmente, nelle intenzioni e nelle (per ora ipotetiche) azioni ben altro.

Cos'è

Partiamo una definizione minima di reddito di cittadinanza. Con reddito di cittadinanza si intende un'erogazione monetaria, erogata a intervallo regolare, indipendentemente dall’attività di lavoro svolta, a tutti coloro che possiedono cittadinanza.

Si aprono subito due punti critici all’interno della stessa definizione: il chi e il quanto.

A chi

Sul chi, dovrebbero beneficiare del reddito di cittadinanza tutti coloro che godono di una determinata cittadinanza, indipendentemente dall'attività lavorativa effettuata, dalla nazionalità, dal sesso, dal credo religioso e dalla posizione sociale, in età lavorativa, per il periodo che va dalla fine delle scuole dell'obbligo all'età pensionabile o alla morte.

Quanto

Sul quanto, questa erogazione dovrebbe – in linea teorica - essere cumulabile con altri redditi da lavoro, impresa o rendita ed essere di un ammontare tale da consentire un livello di vita dignitosa.

Ma a che cosa dovrebbe servire il reddito di cittadinanza? Dovrebbe servire a dare liquidità spendibile in consumi primari, così da consentire ai cittadini di beneficiare di una cittadinanza non solo formale, ma anche economica e materiale.

Soprattutto: il reddito di cittadinanza è strutturalmente un reddito incondizionato. Non può, a patto di non mutarsi in altro, essere condizionato a un inserimento lavorativo. Muterebbe la sua natura. Diventerebbe altro: un sussidio, nel migliore dei casi.

I conti in tasca

Prendiamo alcuni dati, tratti dall’attuale dibattito (a mezzo stampa) sul reddito di cittadinanza. Luigi Di Maio ipotizza una spesa tra gli 8 e i 10 miliardi. Noi sappiamo che 9 miliardi annui sono il costo del Bonus 80 euro, mentre 7 miliardi di euro rientrano nella spesa sociale complessiva dei comuni.

Il cosiddetto “target” potenziale riguarda circa 9 milioni di persone, di contro ai 2,5 milioni di potenziali beneficiari del Rei. Il trasferimento riguarderebbe un importo fino a 780 euro per persona singola, mentre l’importo del Rei arriva al massimo fino a 534 euro per una famiglia con cinque persone.

«Stiamo pensando a come modulare le offerte di lavoro anche su base geografica. Sono tutti dettagli che serviranno a rendere più o meno efficace la riforma», ha dichiarato ieri il premier Giuseppe Conte. Altri problemi. In quel «rendere più o meno efficace» c’è il senso di un imbarazzo. O di un’impotenza rispetto a un processo che è stato innescato e, ora, si fatica a governare.

Nodi teorici, grovigli reali

Come è facile intuire, i nodi teorici sono moltissimi. Ma la situazione si ingarbuglia tremendamente di più quando dalla teoria si vuole passare all’atto. Con un primo rischio: che restringendo o allargando le maglie dell’erogazione, la platea dei beneficiari, le restrizioni o le attribuzioni il reddito di cittadinanza diventi ben altro, pur mantenendone arbitrariamente il nome.

Con una conseguenza su tutte: qualora un provvedimento su un “reddito di cittadinanza” che non è un vero reddito di cittadinanza venisse approvato la conseguenza prima sarebbe affossare ogni dibattito presente e futuro su concreti provvedimenti di basic income.

Davvero il Governo, con il M5S che, in questi anni, è stato tra i soggetti più attivi nel dibattito sul reddito di cittadinanza vuole sacrificare una buona teoria, sull’altare di una prassi arruffata e senza prospettiva?

Su una cosa dobbiamo essere chiari: non chiamiamolo reddito di cittadinanza. Non lo è, è un'altra cosa. Cosa sia, questo è ancora tutto da capire.


by Marco Dotti via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Non chiamiamolo "reddito di cittadinanza": è un'altra cosa, ma cosa?
Non chiamiamolo "reddito di cittadinanza": è un'altra cosa, ma cosa?
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/a/1/5/8/a15819ad-783e-4f8b-bb11-6fb7f6b2d751_large.jpg?_636752068876297216
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/non-chiamiamolo-reddito-di-cittadinanza.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/non-chiamiamolo-reddito-di-cittadinanza.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy