$type=grid$count=4$tbg=rainbow$meta=0$snip=0$rm=0

Giuliana Traverso, lo sguardo femminile al centro della fotografia

SHARE:

Abbiamo incontrato Giuliana Traverso che ci ha parlato dell'esperienza di Donna Fotografa, della sua visione della fotografia, e della...

Abbiamo incontrato Giuliana Traverso che ci ha parlato dell'esperienza di Donna Fotografa, della sua visione della fotografia, e della sua città, Genova.

Com’è nata l’idea di Donna Fotografa?
Ho iniziato i corsi di Donna Fotografa nel 1968, quando in italia non c’erano né libri di fotografia nè fotografie di grandi autori. Avevo già partecipato a corsi di fotografia tenuti da uomini, ma mi sono resa conto che per gli uomini la fotografia era completamente diversa da quella che sentivo io. Ai corsi tenuti da uomini mi hanno fatto sedere su una sedia, loro si passavano una foto per esaminarla, ma quando arrivava il mio turno venivo scansata e passavano la foto all’uomo seduto accanto a me. E io pensavo: «Ma guarda che sistema: sono iscritta anch'io al corso e non mi trovano neanche degna di guardare la foto come loro». Ho imparato un sacco di cose: ho imparato a vedere come vedono gli uomini. Ho capito che per loro avere una grossa macchina fotografica era importante, ma a me non importava niente. Per quegli uomini la fotografia era solo tecnica, e io avevo capito che le donne non avrebbero mai accettato questo modo di operare. Alla fine ho pensato che era sbagliato il modo di insegnare. Il mio metodo era molto rivoluzionario-persino dal Giappone mi hanno scritto per farmi i complimenti: ciò che lo rende unico, nuovo è da un lato il mio approccio non tecnicistico e dall’altro l’obiettivo di fare emergere la sensibilità e la sfera interiore.

Perché ha deciso di aprire la scuola?
Per valorizzare tutte le cose che le donne sanno fare attraverso la fotografia. Volevo dare un grande contributo alla consapevolezza delle donne, che negli anni ‘60 erano ancora tenute ai margini, in condizioni di inferiorità rispetto agli uomini. Volevo aiutarle a fare nascere in loro l’autostima, che aiuta anche ad essere felici.

La sua scuola di fotografia è stata un grande successo dall’inizio fino alla fine….
Sì, e sono anche diventata molto famosa! Ci sono ancora tante allieve che mi scrivono, e che magari hanno frequentato i miei corsi 30 anni fa: mi mandano messaggi pieni di affetto e amore. Queste donne mi ammiravano perchè mi vedevano come una persona che stava lavorando per loro, e quindi erano pronte a difendermi. È una cosa bellissima che è durata 50 anni.
In seguito ho organizzato corsi anche per gli uomini, perché potessero vedere che c’era una differenza nei miei corsi. Nel 2003 ho affiancato a "Donna Fotografa" "Il Galateo della Fotografia", un nuovo corso destinato a un pubblico maschile. Anche in questo caso l'approccio non tecnicistico e l'obiettivo di sviluppare le capacità latenti di comunicare e di far emergere la sfera interiore sono state il punto focale della scuola e il suo elemento di differenziazione.

Che tipo di scuola era “Donna Fotografa”? Che cosa ha lasciato alle sue allieve e a lei la vostra relazione?
Era una scuola particolare, in cui c’era libero spazio per la fantasia, per la creatività e per la sensibilità delle allieve. Queste donne mi hanno aiutato tanto perché si sono aperte moltissimo e si è instaurato tra noi un bellissimo dialogo. Loro hanno avuto da me moltissimo e sono molto felice di questo, ma non sanno quanto loro stesse hanno dato a me! Io ho imparato con le mie allieve, che erano donne/ragazze che si sono trasformate in altre persone, prendendo possesso di loro stesse, perché le donne in quell'epoca erano molto timide, molto soggette all’uomo, come lo ero io d’altronde. Timida non lo ero, questo no, ma soggetta all’uomo sì. Quindi grazie ai miei corsi si sono sentite più forti, e anch'io.

Quel è la sua visione della sua città, Genova?
Per me Genova non era quella che vedevo, ed è tuttora così.
Io penso che adesso Genova sia ancora più bella.
Ora purtroppo con la caduta del ponte non so cosa accadrà.
Ma per me sarà sempre la Genova che ho sognato, che ho amato, pur avendo girato tutto il mondo.

Foto di apertura: "Il Bigo", Genova. Foto di Giuliana Traverso/Fondazione 3M


by Cristina Barbetta via Vita.it - Ultim'ora - News Feed

COMMENTS

Nome

notizie,4059,
ltr
item
giornale libertà: Giuliana Traverso, lo sguardo femminile al centro della fotografia
Giuliana Traverso, lo sguardo femminile al centro della fotografia
http://i.cdn-vita.it/blobs/variants/f/b/8/c/fb8c7d90-3a76-4c8d-999d-f5d575da6743_large.jpg?_636749379384250400
giornale libertà
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/giuliana-traverso-lo-sguardo-femminile.html
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/
http://giornaleliberta.blogspot.com/2018/10/giuliana-traverso-lo-sguardo-femminile.html
true
3232550316594553791
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Readmore Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Not found any post match with your request Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share. STEP 2: Click the link you shared to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy